Fatturazione elettronica - 2a puntata

Versione stampabileVersione stampabileInvia pagina via e-mailInvia pagina via e-mailCrea PDFCrea PDFVersione EPUBVersione EPUB
Fatturazione elettronica - xsoft.it

Veniamo a chiarire i principali aspetti della fatturazione elettronica nel ciclo delle fatture attive:

Noi consigliamo questo percorso per quando riguarda lo small business, cioè nel caso di aziende di piccole/medie dimensioni.

Dato che l'argomento trattato subisce continui aggiornamenti sia tecnici che fiscali, consigliamo di tenersi aggiornati presso il sito della Agenzia delle entrate o questo sito che tratterà ampiamente tutte le tematiche della fatturazione elettronica, sopratutto per le implicazioni nello small business.

 

  1. Utilizzare il servizio di Aruba® per la gestione dell'emissione (di gruppo o meno) delle efatture, invio e successiva conservazione.
  2. Collegarsi al sito :
    https://www.pec.it/acquista-fatturazione-elettronica.aspx
  3. In questa pagina web è possibile visionare le principali caratteristiche, che sono :
    - fatturazione elettronica verso PA (obbligatoria dal 2014);
    - fatturazione elettronica verso privati (con partita iva o con codice fiscale);
    - invio telematico al SDI (circuito di interscambio);
    - conservazione digitale delle fatture per 10 anni;
    - eventuale ricezione delle fatture, in modo da avere un unico portale sia per il ciclo passivo che per il ciclo attivo;
  4. Il costo del servizio (che è completamente web) è di 25,00 € all'anno iva esclusa.
  5. Per registrarsi al servizio è necessario:
    - indirizzo di posta elettronica certificato (Pec) : ottienila qui : Link
    - iscrizione ad Aruba® (se disponi già di un account non è necessario;
  6. Se si dedidera ricevere le fatture nel servizio di fatturazione elettronica di Aruba® collegarsi al portale delle agenzie delle entrate:
    https://ivaservizi.agenziaentrate.gov.it/portale/
    Per l'autenticazione inserire  i codici Entratel  oppure utilizzare gli altri modi consentiti.
  7. Cliccare sul link : "Registrazione dell'indirizzo telematico dove ricevere tutte le fatture elettroniche", come nell'immagine:
  8. Inserire il codice destinatario di Aruba : KRRH6B9, come nell'immagine:

  9. Circa dopo 2 giorni dall'iscrizione al servizio di Fatturazione elettronica di Aruba®, questo dovrebbe essere attivo.

A questo punto siete in grado di ricevere ed inviare fatture elettroniche sul portale di Aruba®.

Per quanto riguarda le fatture passive dovete comunicare ai vostri fornitori il codice destinatario e l'indirizzo di pec che avete utilizzato per l'iscrizione al servizio di Aruba®.

Per le fatture attive avete due possibilità :

  1. Inserirle a mano sul portale.
  2. Importare un file XML generato dal vostro gestionale (a norma della Agenzie delle Entrate).

Il gestionale deve avere la possibilità di generare un file XML di una o più fatture.

Per emettere un fattura che non venga scartata dal sistema di interscambio nella fattura devono essere integrate le seguenti informazioni (a parte codice fiscale e partita iva):

  1. Codice destinatario e pec del cliente, oppure
  2. Pec del cliente oppure:
  3. Nel caso di cliente privato con codice fiscale inserire sul codice destinatario "0000000" (sette zeri) in modo che la fattura sia recapitata correttamente all'SDI.

Vediamo di chiarire alcuni dubbi pratici  sulla fatturazione elettronica:

  1. Non è possibile utilizzare i moduli polivalenti che molti artigiani o professionisti utilizzano ora: l'unico documento valido dal 1 gennaio 2019 è la fattura elettronica;
  2. Non è necessario tenere  registri sezionali o sotto-sezionali con le due tipologie di fatture (come ora);
  3. La numerazione delle fatture è unico;
  4. Le fatture destinate a contribuenti che non hanno la partita iva, saranno visionabili online da pare del cliente nel sito delle agenzie delle entrate;
    Quando la società o il libero professionista emette la fattura consegna al cliente una copia analogica (stampanta o inviata ad un indirizzo di email).
  5. la fatturazione differita è possibile entro il 15esimo giorno del mese successivo a quello di effettuazione dell'operazione.
    Per consentire l'incasso della fattura è possibile generare una "fattura proforma" che magari riunisce più prestazioni in modo cumolativo.
    Questa ultima considerazione avrà probabilmente bisogno di chiarimenti definitivi da parte delle agenzie delle entrate.

 

 

Video Youtube: